News dalla rete ITA

8 Febbraio 2018

Angola

AMMODERNAMENTO DEL PORTO DI NAMIBE

La seconda fase del progetto di ammodernamento del porto di Namibe, che dovrebbe iniziare quest'anno, prevede la riabilitazione di 240 metri di banchine e la pavimentazione del parco container esistente.Una delegazione del Ministero dei Trasporti, presieduta dal direttore generale dell'Istituto marittimo e Portuario di Angola (IMPA), Victor Alexandre de Carvalho, ha lavorato per cinque giorni (dal 29 gennaio al 2 febbraio) a Tokyo, Repubblica del Giappone, con lo scopo di seguire l'apertura dell'offerta di prezzo e l'aggiudicazione dell'appaltatore giapponese, TOA Corporation, selezionata mediante gara pubblica, per eseguire i lavori, che inizieranno nel mese di marzo 2018, nella zona portuale, a Mocamedes, provincia di Namibe.Il progetto di modernizzazione del porto di Namibe risulta da un accordo di donazione del valore di circa 20 milioni di dollari, firmato il 27 febbraio 2017, tra l'Agenzia giapponese per la cooperazione internazionale (JICA) e l'Istituto marittimo e portuario dell'Angola (IMPA), allo scopo di contribuire all'avvio della seconda fase del progetto.L'accordo, inserito nel programma di riabilitazione, espansione e modernizzazione dei porti dell'Angola, è stato firmato sulla base dello scambio di note del 15 gennaio 2016, tra il Governo dell'Angola (rappresentato dal Ministero degli Affari Esteri) e il Governo del Giappone (rappresentato dall'Ambasciata del Paese in Angola).L'accordo tra i due Governi includeva la Società Porto di Namibe, in particolare per quanto riguarda la piena riabilitazione del molo con una lunghezza di 480 metri, suddivisi in due fasi, dopo aver completato la prima fase del lavoro nel 2011.Nella prima fase di attuazione della modernizzazione del porto, sono stati riabilitati i primi 240 metri di banchina, attualmente in funzione in virtù di un contratto di concessione con la società Sogester.Parlando all'atto di aggiudicazione dell'appalto a Tokyo, il direttore generale dell'IMPA, Victor Alexandre de Carvalho, ha sostenuto che il progetto di modernizzazione del Porto di Namibe è parte del programma di riabilitazione complessiva delle infrastrutture del Paese, in particolare nel settore del trasporto, con particolare attenzione ai settori marittimo e portuale.L'ambasciatore dell'Angola in Giappone, João Miguel Vahekeni, ha sottolineato l'importanza della diplomazia economica e la disponibilità di sostegno rispetto alle opportunità che il Governo giapponese offre, in vari settori di cooperazione.Il porto di Namibe intende diventare uno dei porti africani più dinamici e competitivi del Sud Atlantico, diventando come un polo di sviluppo industriale, logistico e dei servizi del sud dell'Angola e un porto di riferimento dell'Africa meridionale. Questo porto ha come scopo quello di garantire il commercio estero e il cabotaggio del Paese, per il carico e lo scarico delle merci e la loro conservazione, nonché la prestazione di servizi ausiliari per il trasporto merci e la navigazione, in modo efficiente e minori costi. (ICE LUANDA)