MISE Go to Italtrade Website
Campus Formativo Newsletter Promozionale Sala Stampa Export Club
Home > Agenzia ICE nel Mondo > Italia > Sportelli regionali per l'internazionalizzazione
Sportelli regionali per l'internazionalizzazione

La direzione tracciata sul finire degli anni novanta dalla legge nr. 59, la cosiddetta Bassanini, ha decentrato alle regioni e agli enti locali tra l'altro funzioni di supporto allo sviluppo economico ed industriale. La creazione degli Sportelli regionali per l'internazionalizzazione del sistema delle imprese risponde all'esigenza delle imprese di disporre sul territorio interlocutori unici in grado di assisterle - in maniera coordinata e con maggiore efficacia - nel passaggio da una dimensione prevalentemente locale ad una collocazione internazionale.

Obiettivo degli Sportelli è quello di agevolare l'accesso delle PMI alla gamma di servizi e strumenti pubblici per l'internazionalizzazione, che vanno dagli strumenti comunitari, nazionali e regionali, a strumenti finanziari ed assicurativi, al supporto e guida nella selezione dei mercati esteri, alla scelta di partner commerciali e di investimento, all'attrazione di investimenti esteri. Presso lo Sportello gli operatori possono ricevere informazioni sull'assicurazione e il finanziamento del credito all'esportazione, sui contributi ai consorzi per il commercio estero; possono presentare la domanda di finanziamento e di assicurazione e, nello stesso luogo, ricevere la risposta come in un one stop shop per l'internazionalizzazione.

All'attività degli Sportelli prendono parte l'ICE, la SACE, la SIMEST, la FINEST e Sviluppo Italia, in raccordo o in associazione con i vari soggetti territoriali impegnati nel sostegno del sistema produttivo locale, quali enti regionali, associazioni di categoria, Unioncamere. Questi operano attraverso una rete di sportelli provinciali localizzati di norma presso le camere di commercio. L'ICE in alcune Regioni ospita lo Sportello nei suoi uffici regionali, come in Piemonte, in Campania e presto anche in Sicilia. Presso tutti gli Sportelli, l'ICE è in grado di offrire alle PMI i tradizionali servizi promozionali, informativi, e di assistenza ed orientamento ai mercati internazionali, in particolare per l'accesso alle gare d'appalto comunitarie ed internazionali ma anche per l'analisi dei mercati, la ricerca partner, la promozione aziendale e l'assistenza operativa all'estero, garantendo l'accesso al Sistema Informativo Nazionale per il Commercio Estero (SINCE) L'ICE si serve della Rete Italia ed Estera e degli uffici della Sede di Roma per rispondere alle esigenze delle PMI che si rivolgono presso lo Sportello per ottenere assistenza ed informazioni.

Sportelli già operativi sono in Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Veneto.

Prossimi Sportelli:

Calabria - Ministero Attività Produttive e Regione hanno firmato il 7 febbraio 2002 l´intesa per l´avvio dello Sportello regionale. Dello Sportello fanno parte ICE, SACE, SIMEST e Unioncamere regionale. Dando seguito alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 590 dell´08 agosto 2008, il Dipartimento Attività Produttive, nel novembre dello stesso anno, ha stipulato con le singole Camere di Commercio calabresi una Convenzione che definisce gli accordi relativi al funzionamento degli sportelli provinciali SPRINT Calabria. Il 17 marzo 2009 è stato presentato ai media ed agli operatori economici il primo sportello presso la CCIAA di Crotone.
Sito web: www.sprintcalabria.it/

Sportelli regionali per l'internazionalizzazione del sistema delle imprese

D.lgs.143/1998 - riforma commercio estero
Istituzione della Cabina di Regia
Costituzione degli Sportelli regionali per l'Internazionalizzazione

Del. CIPE 91/2000 del 29.06.2000
Istituzione degli Sportelli regionali per l'Internazionalizzazione, attraverso lo strumento dell'Accordo di Programma tra Mincomes e singole Regioni, coinvolgendo ICE, SACE e Simest

DPR 161 del 9.02.2001
Semplificazione dei procedimenti per la concessione di agevolazioni per il sostegno all'internazionalizzazione delle attività produttive tramite gli Sportelli regionali per l'Internazionalizzazione

Lo Sportello regionale per l'Internazionalizzazione nasce dall'Intesa tra il Ministero delle Attività Produttive e la Regione in cui si delineano le linee generali di indirizzo per il funzionamento e la localizzazione dello Sportello; affinché l'Intesa venga attuata, lo stesso Ministero e la stessa Regione, insieme agli altri soggetti che entrano a far parte dello Sportello, firmano un Protocollo operativo che definisce i termini dell'apertura dello Sportello e sancisce l'effettiva operatività dello stesso. La funzione di indirizzo e coordinamento dell'attività dello Sportello viene svolta dal
Comitato di Coordinamento nel quale sono presenti, oltre al MAP e alla Regione, tutti i firmatari del Protocollo. La prima Intesa è stata firmata nel 1999 tra il Mincomes e la Regione Emilia Romagna; al momento le Intese firmate sono undici e i Protocolli operativi firmati sono 8.

Dove siamo